Metalli

Quale acciaio per i ramponi?

La tecnologia ha sempre appassionato gli alpinisti, e spesso quando l’evoluzione delle forme sembra aver raggiunto il massimo, la curiosità si sposta verso i materiali componenti l’attrezzo.
Oggi si ridiscute del miglior acciaio per i ramponi, e alcuni pensano possa essere l’acciaio inossidabile. Non è un’idea nuova, già nel passato sono stati fatti numerosi tentativi da molti fabbricanti, anche da Grivel, ma senza risultati significativi.

Per controllo abbiamo contattato gli istituti di ricerca universitaria, in particolare quello dell’università di Padova dove si studiano e si realizzano i test per la commissione materiali del Club Alpino Italiano e molti di quelli dell’UIAA. Abbiamo contattato il professor Emilio Ramous esperto di tecnologia dei materiali, membro dell’Institute of Materials, Minerals & Mining (UK) e della Metallurgical Society of AIME (USA) ed è anche un appassionato alpinista.

Inox è più leggero di NI-CRO-MO?

NO!


Tutti gli acciai hanno praticamente la stessa densità (peso specifico): le differenze fra i vari tipi di acciai ad alta resistenza sono al massimo dell’ordine dell’1%


Inox tiene meglio e più a lungo l’affilatura?

NO!


La capacità di “tenere il filo” dipende dalla durezza, ma questa va valutata a parità di tenacità, cioè di resistenza alla frattura. L’acciaio al NI-CRO-MO è più duro a pari tenacità e quindi tiene meglio l’affilatura rispetto all’inossidabile.



Inox è migliore a basse temperature?

NO!


In tutti gli acciai ad alta resistenza, la tenacità (resistenza alla frattura) diminuisce col diminuire della temperatura: da questo punto di vista i due tipi hanno un comportamento completamente analogo.



Inox è più facile da lavorare?

NO!


Con l'inossidabile può esistere un maggior pericolo di criccature sia durante le lavorazioni che durante l'impiego dei ramponi. Gli acciai inossidabili sono concepiti ed usati per risolvere problemi di corrosione e non di resistenza meccanica.



  Inox crea meno zoccolo di neve?

NO!


L’accumulo di neve sotto i ramponi dipende nella pratica dall’efficacia del sistema antizoccolo. Nulla vale di più di un antizoccolo dinamico che si comprime ad ogni passo sotto il peso dell’alpinista e ritorna alla sua posizione iniziale quando si solleva il piede.

Grivel è stata pioniera ed è stata la prima azienda al mondo a fornire di serie gli antizoccolo sui suoi ramponi. Il nuovo sistema dinamico inventato e brevettato da Grivel si comprime ad ogni passo sotto il peso dell’alpinista e ritorna alla sua posizione iniziale quando si solleva il piede. Questo spinge via la neve accumulata tra le punte, in maniera semplice e logica, senza alcuna fatica: asseconda il movimento della camminata e funziona sempre, in qualunque situazione.
Nessun altro sistema avvicina le prestazioni dell’antizoccolo Grivel.


Guarda il video

Guarda il video per toglierti ogni possibile dubbio sugli Antibott Grivel.


Leggi l'intervista

se vuoi approfondire l’argomento Ni-Cro-Mo vs Stainless steel, scarica l’intervista stampabile al professor Emilio Ramus, dalla quale è stata tratta questa scheda informativa.