Competizioni, risultati e ciò che mi hanno insegnato Marcello Bombardi

Pubblicato il 18/10/2019

Mi vedo come una persona molto concreta e razionale. Mi piace lavorare per un obiettivo e quando fisso un obiettivo molto specifico nella mia testa, lavoro sodo per ottenerlo. Sono in competizione nei più alti circuiti da molti anni ormai (5 anni come professionista grazie al prezioso supporto del Centro Sportivo Esercito) e ora ho imparato a fare il secondo punto di ciò che potrei definire le fasi principali di l'allenamento:

  1. Analisi della situazione iniziale;
  2. Stabilire gli obiettivi;
  3. Definizione del piano di formazione;
  4. Concorrenza.

Ma finché sono solo queste quattro fasi non c'è nulla di speciale. Finché si tratta di definire gli obiettivi e l'allenamento o finché tutto va bene, senza ostacoli e l'obiettivo può essere raggiunto, molti possono farlo, ma la grandezza di un atleta risiede molto nella sua capacità di affrontare le difficoltà incontra, inevitabilmente prima o poi, lungo il suo cammino verso gli obiettivi.

Queste difficoltà sono sempre molto personali e possono variare in gravità, alcune sembrano insormontabili ma noi le creiamo inutilmente, altre invece sono davvero difficili da risolvere, come lesioni o difficoltà nell'avere l'edificio e le strutture giuste per l'addestramento. Una delle difficoltà più comuni che ogni atleta deve affrontare, prima o poi, è far fronte alle conseguenze quando gli obiettivi prefissati non vengono raggiunti.

"L'importante non è vincere ma partecipare".

Chi non ha mai sentito questa famosa frase, pronunciata dal fondatore dei moderni giochi olimpici Pierre de Coubertin, da qualcuno che ha provato a tirarlo su di morale dopo un brutto risultato in gara?

Mi sono spesso interrogato da ragazzo sulla veridicità di quelle parole. È vero? O lo dicono i perdenti per giustificare la sconfitta, per giustificarsi che va bene lo stesso?

Sono molto competitivo nel mio spirito e ho sempre affrontato il mondo delle competizioni con il desiderio di vittoria, metaforicamente è l'obiettivo di un risultato specifico, che è stata una vittoria in una gara alla mia portata o una posizione nei primi posti per una competizione di alto livello. Vincere per confrontare le mie capacità con quelle di altri concorrenti. Penso che tutti gli atleti competano con un po 'di competitività verso gli altri concorrenti e non solo verso la pista, la strada o il masso, che devono affrontare in gara. Coloro che affermano di competere solo per cercare di esprimere il loro massimo, di competere solo con la pista proposta e non con altri atleti, secondo me non sono del tutto sinceri, con quelli con cui stanno parlando o addirittura con se stessi, altrimenti dovrebbero occuparsi direttamente con un percorso o un masso estremo su roccia.

Qual è allora il significato della frase? Che senso ha partecipare se non hai il desiderio di vincere?

In tutti gli anni della competizione ho sempre cercato di considerare ogni possibile aspetto della performance e di studiarla, nel mio piccolo, come autodidatta, per cercare di migliorare me stesso. In questo modo mi sono anche interessato alla psicologia dello sport leggendo articoli su Internet e alcuni libri. Gli esperti in materia insegnano che ci sono due tipi di obiettivi: il risultato, collegato a un numero sul tabellone e quindi non totalmente dipendente dalle nostre capacità poiché sono in gioco anche altre persone e fattori esterni, e le prestazioni, la cui natura deve essere interamente sotto il nostro controllo e quindi collegati a un modo in cui viene eseguito il servizio (arrampicata veloce, rimanere concentrati sulla propria corsa e non sugli altri, mantenendo il respiro costante, ecc.). L'obiettivo del risultato deve quindi essere presente, secondo me, perché è giusto che se uno ha talento e capacità, vuole dimostrarlo e vincere, ma deve essere secondario.

L'importante non è vincere ma partecipare. Partecipare non è inteso solo come essere presente, essere abbastanza fortunato da essere chiamato alla gara, subire gli eventi in modo passivo, ma provare il brivido dell'evento, controllarlo, affrontarlo senza ansia o paura. L'importante non è vincere ma superare se stessi, "vincere se stessi", superare le difficoltà per esprimere le migliori prestazioni possibili. Chiunque crede che l'importante sia "vincere gli avversari" subisce pressioni esterne, aspettative degli altri e sarà accecato dal voler dimostrare la propria superiorità. Ma ci sarà sempre qualcuno migliore di te, oggi o domani. Se ripenso ai miei più grandi risultati sportivi, non riesco a pensare a coppe o medaglie, ma alle emozioni, all'adrenalina, alla carica dei tifosi e all'atmosfera e all'essere lì, presente nel momento, capace di superare ostacoli ed esprimere il massimo di il mio potenziale. Le cose importanti alla fine sono queste, non i numeri e le medaglie vinte, anche se purtroppo spesso finiamo per ricordare solo quelle.

Squalche tempo fa mi sono imbattuto di nuovo nella citazione di de Coubertin, quasi per caso. Questa volta, però, fu riportata una seconda frase, molto meno conosciuta della prima. Il mio primo pensiero è stato sicuramente "wow ... Se avessi letto prima mi sarei risparmiato un grande sforzo ... Perché non riportano anche questa parte insieme alla prima?" Ma poi, ripensandoci, è stato per il meglio. Ogni crescita personale è più radicata e permanente in te se la sudi e la raggiungi in qualche modo con meno aiuto esterno. D'altra parte, questo è anche uno dei principi fondamentali dello sport.

“La cosa più importante non è vincere ma prendere parte; l'essenziale non è vincere ma combattere bene ”.

Pierre de Coubertin

 

 

Articolo e immagini di Marcello Bombardi, agosto 2019

Marcello Bombardi, nato a Correggio nel 1993 e attualmente residente a Pont-Saint-Martin (Valle d'Aosta), lavora con il team Grivel da un anno. Atleta professionista nella Nazionale Italiana, gareggia in velocità, boulder e specialità di piombo (1 ° posto nella Coppa del Mondo Lead 2017, Chamonix) e pratica anche arrampicata sportiva e bouldering all'aperto. Prodotti Grivel preferiti: zaino Rocker 45, estratto dell'imbracatura Trend, rinvii Alpine Plume.